Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Ricerca

Il Giardino delle Rose – Un angolo di paradiso nel cuore di Firenze

Il Giardino delle Rose – Un angolo di paradiso nel cuore di Firenze

  «Se la situazione pittoresca incanta gli occhi, se la situazione poetica coinvolge lo spirito e la memoria, se entrambe le composizioni possono essere foggiate dal pittore e dal poeta, vi è una situazione che solo la natura può offrire: è la situazione romantica. Senza essere selvaggia, la situazione romantica deve però essere tranquilla e solitaria, perché l’anima non venga in alcun modo distratta e possa interamente abbandonarsi alla dolcezza di un sentimento profondo.»René-Louis de Gerardin

In Oltrarno, proprio ai piedi di Piazzale Michelangelo, si estende il Giardino delle Rose, un meraviglioso parco aperto tutto l’anno e con ingresso gratuito, da cui si può ammirare una delle più suggestive viste panoramiche sulla città. Si tratta di un tesoro nascosto e poco frequentato perché leggermente isolato, lontano dagli usuali percorsi turistici o dalla zona commerciale, un angolo verde simile ad un piccolo eden nel cuore di Firenze, con colori e profumi unici e avvolgenti.

Il Giardino fu realizzato intorno al 1865 per opera dell’architetto Giuseppe Poggi, incaricato dal Comune fiorentino, in occasione dello spostamento della capitale d’Italia a Firenze.Il parco, la cui superficie si estende per più di un ettaro di terreno, è progettato secondo la caratteristica architettura “alla francese”, rispettando i canoni estetici del luogo ameno e bucolico, mantenendo un’impronta naturale ma allo stesso tempo perfettamente organizzato nelle sue divisioni interne, seguendo l’andamento naturale della pendenza collinare su cui sorge. Nell’insieme strutturale dei terrazzi e delle piante presenti, nulla sembra trovarsi fuori posto, bensì tutto si mescola e si amalgama perfettamente, garantendo una costante armonia di luci e di colori.  Dal 1874, ad opera di Attilio Pucci, direttore del Servizio dei pubblici giardini e paesaggi, il Giardino si presenta suddiviso in una serie di piccoli terrazzamenti, i cui muri e mezzi di sostegno sono utilizzati per la coltivazione di rose di ogni colore e tipologia.

Vi si trovano moltissime qualità di fiori, con l’aggiunta di una sezione esotica, interamente dedicata ai fiori giapponesi, dove è presente anche un piccolo tempio Zen Kodai-ji. Dalla fine del secolo scorso, è stata infatti aggiunta una piccola oasi interna, realizzata dall’architetto Yasuo Kitayama e denominata Shorai, come omaggio della città di Kyoto in virtù del suo gemellaggio con Firenze. Particolarmente interessante è la complessità dell’impianto di irrigazione, in cui l’acqua, a partire da un cisterna collocata all’estremità più alta del Giardino, scorre in una serie di condutture, creando suggestive cascate e piccoli ruscelli.All’interno del parco trovano collocazione più di 600 varietà di rose, sia antiche che classiche, insieme ad arbusti ed erbacee perenni, piante di limoni e altre specie di fiori.  Tra le tipologie di rose, si trovano le meravigliose sarmentose e rampicanti, caratterizzate da bacche dai colori sgargianti e da un’incredibile fioritura anche nella stagione invernale; la loro peculiarità consiste nel richiedere poca manutenzione: è infatti possibile evitarne la potatura per intere stagioni, in modo che la pianta possa essere libera di crescere arrampicandosi su alberi e pareti.Altre tipologie presenti sono le rose arbustive, che possono avere una dimensione ridotta, crescendo a forma di piccoli cespugli, o raggiungere un’altezza di più di due metri.

All’interno del Giardino si trovano gradini e panchine, dove è possibile sedere e rilassarsi, e che rendono questo parco un luogo romantico, di svago e di meditazione, nonché un punto di sosta per coloro che salgono a piedi verso il Piazzale.

Il periodo ideale in cui visitare questo parco è sicuramente la primavera inoltrata, nei mesi di maggio e di giugno, durante la stagione di massima fioritura delle rose.Oltre alle svariate qualità di fiori, un’altra caratteristica che rende unico questo angolo verde è la presenza permanente di dodici sculture dell’artista Jean Michel Folon, pittore e scultore di origine belga. Si tratta di opere che si trovano in diversi punti del parco, che spesso, durante le passeggiate dei visitatori, fanno capolino da qualche angolo o cespuglio, in luoghi insoliti, senza alterare in alcun modo l’insieme armonico del paesaggio, bensì mantenendo un costante ‘dialogo’ con l’ambiente circostante.

Giardino delle Rose, Giardino delle Rose, Oltrarno, Giardino Firenze, Giardini Firenze, Cosa vedere Giardino Firenze, Cosa vedere Giardini Firenze, Cosa fare Firenze, Cosa vedere Firenze, Un giorno in centro Firenze, Dove andare in centro a Firenze,

In base alla normativa in materia di privacy, l’impresa individuale Trade Net Service di D. Lombardi, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi